Social media marketing e ROI, tema più che mai caldo fra clienti e addetti ai lavori. Per fortuna esistono social network che facilitano la vita a chi, come IAKI, cerca sempre di quantificare i risultati di una strategia e raggiungere risultati concreti. Di cosa stiamo parlando? Ovviamente del fenomeno Pinterest, sito di social photo-sharing che negli ultimi mesi ha fatto registrare una forte crescita anche in Italia.

Partiamo dai dati US: a luglio Pinterest ha raggiunto Tumblr in termini di traffico, diventando così la 3° piattaforma sociale per utenti attivi. Gli italiani sono invece il 2% degli utenti e fanno il 2% delle page views totali (il 95% arrivano dagli USA). Ma cos’è esattamente Pinterest e quali sono i motivi del suo successo? Pinterest è un sito per la condivisione di foto e video, una specie di grande bacheca dove appendere stimoli interessanti trovati navigando sul web. Ed è proprio questa sua natura di collettore di contenuti già presenti sulla rete che lo rende uno strumento utile a incrementare le visite dei siti che si distinguono per originalità e qualità.

Il meccanismo è semplice: gli utenti navigando a zonzo sul web possono “pinnare” (ovvero condividere su Pinterest) i contenuti di loro gradimento e attaccarli a una delle board tematiche sul proprio profilo Pinterest. Il Pin si porta sempre con sé il link alla fonte originale ed è questa la via attraverso cui Pinterest porta visitatori ai siti esterni. Ad esempio se io sono un appassionato di moda o di cucina, pinnerò i migliori contenuti scovati su blog di moda e siti di ricette, andando così a riempire mano a mano le mie board tematiche con una selezione di chicche e spunti rilevanti.

Pinterest è quindi un traffic builder dallo spiccato senso estetico, ideale per i brand che vogliono sfruttare le proprie immagini originali e di elevata qualità, viralizzandole su un social network popolato da utenti particolarmente sensibili alla moda, al design, ai viaggi e alla cucina.

 

Ultimo aggiornamento: 1 ottobre 2012

Case History Correlate