La sostenibilità ambientale è un tema caro al cuore di molti e, attualmente, molto discusso anche in ambito aziendale. La sempre più crescente attenzione dei consumatori nei confronti di un pensiero ecosostenibile, infatti, ha portato ad una sensibilizzazione del tema anche da parte di molte imprese che hanno adottato nuove strategie green, cercano di dimostrare ogni giorno i loro interventi in campo ecologico. A questa necessità rispondono gli eventi, che come abbiamo già visto sono ottimi strumenti di marketing, e ricadono tra prime scelte di una azienda che vuole trasmettere una nuova immagine di sé stessa.

Eventi ecosostenibili fantastici e come crearli

L’evento rappresenta l’approccio diretto al (potenziale) consumatore che si manifesta in un’esperienza concreta vissuta al livello emotivo dai partecipanti e reattiva al mercato anche in fase di follow-up. Un evento, in realtà, già in sé causa un notevole impatto ambientale perché produce molti rifiuti ed è ad alto consumo energetico, ma, se una azienda vuole sensibilizzare la propria strategia in termini di ecosostenibilità, in primis, deve limitare i danni creati dall’evento stesso e fare quindi molta attenzione agli sprechi. Di base, la disciplina che muove un comportamento virtuoso in tal senso si può riassumere nella “regola delle tre erre”: Ridurre (la quantità di materiali consumati), Riutilizzare, Riciclare, ma come si realizza nella pratica un evento green?

How to: 10 piccoli accorgimenti per creare un evento green

Ecco che di seguito si propone un Decalogo che riporta una serie di consigli funzionali, ma sopratutto accessibili e rappresenta una concreta guida alla realizzazione di Eco-Evento:

  • Ridurre la produzione di gadget e la quantità di carta utilizzata per manifesti, locandine e volantini che spesso si stampano in numero eccessivo e, dove si può, sostituirli con carta riciclata;
  • Digitalizzare le “scartoffie” burocratiche e di logistiche in fase di back-office (come preventivi dei fornitori, piantine delle location, conferme di iscrizioni, etc..) che in versione telematica sono, senza dubbio, più facili da rintracciare, trasmettere e archiviare;
  • A tavola, sostituire stoviglie e posateria con mis en place di plastica o materiale riciclato e/o riciclabile ed evitare la distribuzione di in mono-porzioni finger food, anche se molto in voga al momento;
  • E ancora, promuovere un’offerta di catering con alimenti stagionali e a km 0;
  • Organizzare una corretta ed efficiente raccolta differenziata dei rifiuti anche durante l’evento;
  • Prediligere l’uso di locali e strumenti caratterizzati da basso consumo energetico e/o sfruttamento di fonti rinnovabili come strutture con impianto fotovoltaico, solare-termico o eolico;
  • Installare distributori di acqua pubblica e potabile e consigliare ai partecipati di usare una sola bottiglietta di acqua da riempire per tutta la durata dell’evento;
  • Avere cura di non superare i limiti di emissioni acustiche e luminose stabilite per legge e limitare gli effetti ad azioni necessarie;
  • Usare gli apparecchi digitali con moderazione per non gravare sull’inquinamento elettromagnetico prodotto dagli smartphone e impianti wireless e invitare gli ospiti a fare lo stesso;
  • Promuovere spostamenti privati e/o con trasporto pubblico come esperienza di mobilità condivisa dal basso impatto ambientale.

In particolare questo tipo di eventi possono essere di aiuto all’azienda stessa per venire a contatto e creare rapporti collaborativi con altri aziende promotrici di eventi green, aziende che forniscono prodotti ecosostenibili e aziende incaricate della raccolta e del riciclaggio dei rifiuti.

Green Carpet Fashion Awards: come l’Italia celebra l’ecosostenibilità

In Italia un esempio di evento total green in questi termini è sicuramente il Green Carpet Fashion Awards, un’iniziativa che, ormai arrivata alla sua terza edizione, annualmente celebra i traguardi raggiunti in materia di sostenibilità all’interno della filiera della moda e del lusso. L’evento, in linea con una pura idea di ecosostenibilità, vanta un allestimento floreale totalmente riciclabile (le piante utilizzate vengono poi ripiantate), un catering del tutto bio e a km zero e una mise en place elegante e esclusivamente frutto di plastica riciclata.

Ecosostenibilità: il futuro si tinge di green

Insomma, ecosostenibilità non è sicuramente sinonimo di risparmio, ma è un impegno reale per molte imprese medio grandi ed è lo specchio di una società che sta cambiando. Nei cittadini è aumentata la consapevolezza e l’attenzione per aziende che si assumono responsabilità ambientali e mostrano una rinnovata mentalità del management. Promuovere eventi in parte o totalmente green è sicuramente la base da cui partire per rispondere alle nuove esigenze del mercato e creare un livello di coscienza superiore.