È l’app più scaricata del 2018, territorio della Generazione Z e apprezzata per le numerose feature che permettono agli utenti di esprimere la loro creatività in mille modi.
Insomma, se il vostro brand vuole comunicare a questa fascia di giovanissimi consumatori, dovreste assolutamente conoscere TikTok e incominciare a pensare allo sviluppo di una strategia di comunicazione per questo canale.

L’utilizzo di questa app è un fenomeno in ascesa anche in Italia e, come tale, non può essere ignorato dai brand che vogliono rivolgersi ai giovanissimi. Abbiamo già elencato i motivi per cui diventerà sempre più essenziale fare marketing su TikTok; oggi approfondiamo una di queste motivazioni: la possibilità di fare advertising. Dall’inizio del 2019 infatti, la piattaforma ha lanciato diversi formati di sponsorizzazione.

I formati di advertising disponibili su TikTok

  • Branded Takeover
    Si tratta di una creatività full screen (animata o statica) che appare all’apertura dell’applicazione.
    Questo formato permette sia di rispondere ad un obiettivo di awareness (es: lancio di una challenge), sia di portare l’utente su una landing page. Solo un brand al giorno per ogni paese può “prendere possesso”di questa tipologia di ad. Da qui il termine “takeover”. I KPI di campagna in questo caso sono: impression, clic e reach.
  • In-feed native video
    Questi contenuti sponsorizzati appaiono nella sezione “Per te”. La creatività è video in autoplay, alla quale si può aggiungere il tasto di call to action più adatto alla propria campagna (gioca, scarica, acquista…). Questo tipo di inserzione è perfetta per rispondere agli obiettivi di traffico o download; le metriche di misurazione delle prestazioni sono impression, clic, CTR, video views a 3 secondi, a 10 secondi e totali, tempo medio di visualizzazione e tasso di engagement.

  • Hashtag Challenge-ad
    Il meccanismo della challenge è diffusissimo su TikTok: un brand lancia un trend e relativo hashtag invitando gli utenti a produrre contenuti in linea con il trend. Il meccanismo ha lo scopo di creare awareness attorno al brand o ad uno specifico prodotto/servizio. Gli spazi sponsorizzati dedicati a questo formato sono diversi:
    Banner dedicato nella pagina di ricerca e una posizione di rilevanza nella parte inferiore, in cui si visualizza l’anteprima dei video pubblicati con quell’hashtag.
    – Immagine e descrizione della challenge nella parte superiore della Challenge Page, alla quale si accede cliccando sul banner della pagina di ricerca. Subito sotto la description viene inserito  il disclaimer che dichiara la partnership di sponsorizzazione.
    Non è insolito che, per dare slancio all’attività, in una hashtag challenge vengano coinvolti dei TikToker, ovvero creator famosi sulla piattaforma con un numero elevatissimo di follower e soprattutto noti perché capaci di creare video virali.

Tra le case internazionali di rilevanza c’è sicuramente la challenge #wewillrockyou, lanciata in occasione dell’uscita del film “Bohemian Rhapsody” dall’account TikTok ufficiale @borhapmovie.

  • Branded Lenses
    Un formato fortemente customizzabile, creativo e potenzialmente virale per i brand: si tratta della creazione di maschere e oggetti 2D e 3D che gli utenti possono utilizzare inserire nei loro video. Queste feature rimangono a disposizione per 10 giorni, nei primi 5 viene garantita loro una posizione in evidenza nella sezione “Trendings”.

Si tratta di un formato interattivo e divertente, che crea una connessione diretta tra brand e la GenerazioneZ di TikTok, abituata a testare nuove possibilità per esprimersi.

Perché investire in advertising su TikTok?

  1. Per intercettare i giovanissimi, che rappresentano il core target della piattaforma.
  2. Se i vostri servizi e prodotti hanno punti in comune con TikTok: creatività, libertà di esprimersi ed essere se stessi, forte personalizzazione.
  3. Al fine di aumentare la vostra brand awareness, lanciando una challenge e aumentando così il word of mouth sul vostro marchio.
  4. Per le continue ottimizzazioni degli strumenti di advertising, come per esempio le possibilità (attualmente in beta) di targettizzare i contenuti per interessi, creare pubblici personalizzati e tracciare l’attività tramite pixel.

I motivi per pensare ad una strategia di marketing su TikTok sono molti insomma. Se con i nostri articoli vi abbiamo incuriositi e state pensando di aprire un profilo, abbiamo un’ultima tips per voi: passate a trovarci e studieremo insieme la strategia perfetta per il vostro brand!