Diventare creator è sempre stato percepito come “un gioco da ragazzi” quando oggi, invece, a causa della concorrenza spietata e l’enorme quantità di contenuti prodotti in tutto il mondo, emergere sembra (quasi) impossibile.

Fortunatamente, grazie all’esperienza di molti talent, coloro che aspirano a lavorare in questo settore potranno basarsi su alcune linee guida pensate dai creator, per i creator:

1. Essere sé stessi

Può sembrare qualcosa di ovvio, ma in molti casi non lo è. Snaturare sé stessi per ottenere qualche like o commento in più, ha spesso portato a un successo nel solo breve termine. La realtà è che quando si iniziano a produrre i propri contenuti, si crea una relazione con il pubblico che, per essere sana, deve essere costruita su valori come sincerità, autenticità e naturalezza: un’estensione di ciò che si è giorno dopo giorno.

2. Usare ciò che si ha

Quante volte è capitato di porsi dei limiti solo perché: “Non ho la giusta fotocamera”, “Senza microfono non posso proprio lavorare”, “Se avessi anche io quel costosissimo programma di editing allora farei…”. Fortunatamente, per chi ha davvero intenzione di avvicinarsi al mondo dei social come creator, non è necessario nulla di tutto ciò!
Oggi basta poco per esprimere sé stessi con un video o con una foto: basti pensare a @Khaby Lame che, con un telefono e poco più, è diventato in poco tempo uno dei creator più famosi del mondo, diventando popolare grazie ai suoi video risposta a “life hack” eccessivamente complicati.

3. Fare ciò che si ama

Può sembrare la classica frase ad effetto trovata in un biscotto della fortuna: “Scegli il lavoro che ami e non lavorerai neanche un giorno in tutta la tua vita”.  👀
Diventare creator può essere più stressante di come è normalmente percepito: lottare con insensibili algoritmi, esporsi al giudizio (qualche volta non troppo diplomatico) di internet, trovare stimoli per nuovi contenuti…
Raccontare le proprie passioni non rappresenta solo la soluzione più naturale per evitare di affogare nelle pressioni e per sopravvivere a un contesto molto competitivo, ma anche una perfetta occasione per per raccontare sé stessi, in modo autentico e per creare una sincera connessione con le persone.

4. Coltivare le relazioni

Avere una relazione sana con la propria audience è vitale. L’obiettivo è costruire una grande famiglia, dove viene coltivato un rapporto quotidiano e dove esprimere costante gratitudine è il modo migliore per ripagare la fedeltà e la fiducia della community. Tutto ciò porta anche extra benefici infatti, durante una crisi creativa, si può sempre fare affidamento sui numerosi spunti alimentati dai propri fan, sfruttando i numerosi tool messi a disposizione dalle piattaforme social come sticker domanda, sondaggi ecc.

5. Sperimentare

In un mercato che cambia giorno dopo giorno, la sperimentazione fornisce nuova energia alla creatività. Smettendo di ricercare nuovi stimoli, si rischia di produrre contenuti con il pilota automatico e di non cogliere tutte le opportunità delle piattaforme in cui si opera. Provate nuovi filtri, nuove funzionalità e nuovi formati… vedrete che anche l’algoritmo ne terrà conto (è un grande fan della sperimentazione 🙊)

Bonus: la frequenza di pubblicazione

Che pubblichiate quotidianamente o settimanalmente, la cosa importante è essere costanti!

Ogni creator dovrebbe impostare la strategia che meglio si sposa con le proprie esigenze creative, con la propria community e in modo da evitare di saturare il pubblico con contenuti troppo frequenti (e a volte poco rilevanti…).
Meglio concentrarsi sulla qualità, con uno sguardo agli insight per pubblicare al momento giusto.

In conclusione

Il numero dei creator presenti sui social è in continua crescita e, nonostante esistano alcune linee guida per individuare il talent più adatto al proprio modello di business, basta poco per sbagliare, affidandosi a qualcuno che non valorizza il brand.
È per questo motivo che è importante affidarsi a chi ha esperienza in questo settore: se vuoi saperne di più, Contattaci