Dove eravate il 27 Agosto? Con i piedi nell’acqua e la mente in vacanza, scommetto. Instagram invece, noncurante dell’estate o sperando di approfittare delle vostre foto in spiaggia, annunciava il nuovo formato rettangolare.

A partire dallo scorso mese infatti è possibile pubblicare immagini e video di formato rettangolare: niente più minuti persi a inserire bordi laterali con applicazioni terze o a pensare l’inquadratura al momento dello scatto cercando di far entrare ogni particolare.

Ma si tratta di una innovazione o di un passo indietro? La diatriba è già aperta tra chi sostiene che si tratti di una rinuncia alla cifra stilistica che ha contraddistinto l’applicazione e chi invece accoglie a braccia aperte la novità. Sta di fatto che si conserva una continuità con il passato, perché il formato tradizionale rimane quando si visualizza il proprio profilo o la sezione Ricerca (aggiornata recentemente).

instagram-nuovi-formati

Ma non è l’unica novità introdotta da Instagram negli ultimi giorni: oltre ad un potenziamento dell’opzione di messaggistica diretta è arrivata anche la pubblicità. L’azienda ha annunciato l’imminente sbarco con un post sponsorizzato in cui sono state spiegate agli utenti le modalità con cui avverrà questa introduzione, complice ovviamente l’integrazione con Facebook che ha acquisito la nota applicazione nel 2012.

instagram-sponsored-post

Pare quindi che il nuovo formato fotografico sia stato la premessa per l’apertura alla pubblicità, assieme alla possibilità di utilizzare quattro immagini per le inserzioni. Di fatto in questo modo si moltiplicano le opportunità per le aziende, che si trovano ora a affrontare la sfida più complessa: sperimentare. Si rivolgono ad un pubblico nuovo, guadagnando quindi un’occasione unica per distinguersi proponendo contenuti di qualità ad una community già solida.

Instagram intanto ha pubblicato alcuni significativi risultati riguardo le prime inserzioni portate avanti durante l’estate, ad esempio il sito americano di shopping online Gilt Groupe ha visto aumentare dell’85% i download della propria app. Si tratta forse di numeri alimentati dalla curiosità iniziale da parte degli utenti, ma che in ogni caso sembrano non lasciare dubbi sulla reale opportunità che, dopo anni di rumors, si è finalmente aperta a piccole e grandi aziende.

E voi, avete già visto le prime inserzioni? Cosa ne pensate?

Case History Correlate