Chi come me lavora con la pubblicità su Facebook e/o social advertising sa bene quanto le Custom Audience (pubblici personalizzati) possano essere efficaci per trovare nuovi utenti interessati ai nostri prodotti o servizi, anche se spesso sono inutilizzati o sconosciuti.

Facebook ha una vasta quantità di informazioni sui 2 miliardi di utenti che popolano questo social network, e questo permette a chi svolge pianificazione media nel suo marketplace di selezionare il target più adatto ad ottimizzare le proprie campagne di social advertising.
Oltre al targeting per interesse, Facebook ci consente di creare gruppi di destinatari in base a condizioni specifiche che vanno oltre il semplice interesse e permettono di veicolare il messaggio pubblicitario ad un pubblico potenzialmente più propenso alla conversione.

Questi sono i pubblici di Facebook, vediamo come crearli e come usarli.

Cos’è il pubblico simile (looklike)? Simile a cosa?



Il pubblico simile si costruisce sulla base di caratteristiche affini alla tua base fan o ad un pubblico precedentemente utilizzato e consente tramite requisiti comuni di raggiungere nuove persone che potrebbero essere interessati alla tua azienda.
Il pubblico che selezioni come punto di partenza per creare la somiglianza (deve contenere almeno 100 persone per paese e idealmente tra le 1000 e 50.000) permette a Facebook di capire quali caratteristiche prendere in considerazione e in base a questo la piattaforma trova persone con requisiti affini. Possiamo scegliere fino a 6 gruppi di pubblico differenti che variano dal 1% al 10% (per singolo paese).
Più la variabile % di somiglianza è bassa più il pubblico che creerai sarà affine al tuo pubblico di partenza.

TIPS: Puoi usare diversi gruppi di pubblico simile contemporaneamente per uno stesso set di inserzioni e selezionare ugualmente gli interessi.

Cos’è il pubblico personalizzato e come funziona?

Avanziamo ora con lo step più difficile della tua attività di social advertising, ma anche più interessante.
Esistono svariati modi per creare e utilizzare un pubblico personalizzato, ma possiamo dire che solo tre sono veramente utili.

  • File clienti: è possibile caricare delle liste/file di email dei nostri cliente (es. iscritti alla tua newsletter). Facebook verificherà la corrispondenza con le email degli iscritti al network, creando il tuo pubblico.
  • Traffico verso sito web (solo con INSTALLAZIONE DEL PIXEL FACEBOOK COMPLETATA): è possibile creare un pubblico in base agli utenti che hanno visitato il nostro sito web o delle pagine specifiche di questo. Questi utenti conoscono già i tuoi prodotti o servizi e su di essi puoi così attivare campagne che ne mantengano vivo il ricordo, stimolando la conversione, il famosissimo retargeting.
  • Interazione: è possibile creare un pubblico di utenti che hanno interagito alternativamente con contenuti come video, modulo di acquisizione contatti, canvas, pagina Facebook, profilo aziendale di Instagram o un evento.

Abbiamo quindi visto una panoramica dei pubblici che possiamo creare attraverso il nostro Business Manager di Facebook Advertising.

Quale il più utile per i nostri obiettivi? Non c’è una risposta esatta, l’unico consiglio che vi posso dare è quello che Pia diede a Mario nel bellissimo film “Non ci resta che piangere” .

“Bisogna esercitarsi, bisogna provare, provare, provare, provare, provare, provare e poi ci si riesce bene”.

Commenti

commenti

Case History Correlate