Nel panorama sempre più affollato dei social media, Instagram continua a primeggiare come una delle piattaforme più influenti e popolari al mondo. Un fenomeno interessante che sta emergendo sembra essere la presenza di AI Influencer, cioè influencer virtuali creati e gestiti da algoritmi di intelligenza artificiale. Questa tendenza sta rivoluzionando il modo in cui concepiamo gli influencer e le celebrità online.

AI Influencer: cosa sono
Gli AI Influencer sono personaggi digitali creati da sviluppatori di software che utilizzano algoritmi avanzati per imitarne il comportamento e l’aspetto umano. Questi personaggi possono essere sia realistici, con sembianze umane perfettamente riprodotte, sia fantastici, con caratteristiche uniche e stravaganti.

Uno degli esempi maggiormente noti? Lil Miquela, un AI Influencer con quasi 3 milioni di follower su Instagram. Si tratta di un’adolescente virtuale che condivide la propria vita quotidiana, partecipa a eventi di moda e collabora con importanti brand, come ad esempio BMV.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da BMW (@bmw)

AI Influencer su Instagram: alcuni dei profili più seguiti
Gli AI Influencer hanno guadagnato notorietà significativa negli ultimi anni. Oltre a Lil Miquela, menzionata in precedenza, ci sono molti altri profili di AI Influencer su Instagram che hanno accumulato una serie di collaborazioni prestigiose con importanti brand.

Noonoouri
Ideata da Joerg Zuber, amministratore delegato dell’agenzia hi-tech Opium, Noonoouri collabora da tempo con marchi di tutto il mondo. La musa ispiratrice di questa influence virtuale? La top model Naomi Campbell.
Su Instagram, ad oggi, comunica a quasi mezzo migliore di follower.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da noonoouri (@noonoouri)

Shudu
La prima super modella digitale del mondo.
La top model, creata dall’artista Cameron-James Wilson, ha un seguito di 240.000 follower e negli anni ha collezionato una serie di liaison con diversi brand, tra cui Fenty Beauty di Rihanna. Sul suo profilo Shudu posa per “editoriali” e colleziona cover come un vera e propria modella.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Shudu (@shudu.gram)


Imma
Imma vive in Giappone insieme al suo cane, ha i capelli rosa e l’attenzione di quasi 400.000 seguaci su Instagram. Negli anni ha guadagnato molta fama tanto da divenire il volto di alcuni importanti brand tra cui Porsche e Valentino e Tommy Hilfiger.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da imma (@imma.gram)

Importante tenere presente come il panorama degli AI Influencer sia in costante evoluzione, e nuovi personaggi virtuali continuano a emergere con il tempo. Questi influencer virtuali sono diventati una parte significativa del mondo dei social media e dell’influenza digitale, aprendo nuove opportunità per i marchi e le aziende che cercano di raggiungere il loro pubblico online. Vediamo in che modo.

AI Influencer: opportunità per i brand
Ecco come i brand possono trarre vantaggio dalla collaborazione con gli AI Influencer, spesso considerati più affidabili e a basso rischio rispetto agli influencer umani:

  1. Con i virtual influencer viene completamente eliminato il fattore “imprevedibilità umana”. Il rischio di legare l’immagine di un brand a un personaggio “reale” risiede nella possibilità che quest’ultimo compia azioni scelte che potrebbero danneggiare l’immagine del marchio. Gli AI Influencer, invece, garantiscono una costanza maggiore e possono essere adattati alle esigenze in modo coerente in modo da garantire ai brand “legami a lungo termine” stabili e prevedibili.
  2. Questa categoria di influencer può essere personalizzata a piacimento in modo da poter rappresentare esattamente i valori e l’immagine del brand. Il loro stile e i loro contenuti possono essere adattati per rispondere alle esigenze specifiche dei marchi, aumentando l’efficacia delle campagne.
  3. Gli AI Influencer possono mantenere un coinvolgimento costante con il pubblico, 24/7. Per loro non esistono notte e giorno, sbalzi di umore, momenti di sconforto, ma soprattutto barriere linguistiche e culturali, questo permette ai brand i raggiungere un pubblico globale.

Negli ultimi tempi, il mondo degli AI Influencer ha visto anche la partecipazione di celebrità del mondo reale. Un esempio noto? Kendall Jenner, una delle supermodelle più famose al mondo e una figura iconica su Instagram. Nel corso di quest’anno ha sorpreso il pubblico annunciando una collaborazione innovativa con Meta, azienda madre di Facebook. In questa partnership, Kendall ha concesso l’accesso alla sua immagine (per ben 5 milioni di dollari) alla piattaforma, che farebbe diventare la modella un’assistente AI con il compito di rispondere tramite chat alle richieste degli utenti.
Questo passo audace rappresenta un’interessante fusione tra il mondo delle celebrità umane e quello degli influencer virtuali, aprendo nuove prospettive per la creazione di personaggi ibridi che sfruttano sia l’aspetto autentico delle celebrità che la costanza degli AI. Questo sviluppo getta luce su come l’intersezione tra le personalità reali e virtuali potrebbe continuare a evolversi, creando nuove opportunità per il mondo dell’intrattenimento e del marketing digitale.

In un mondo digitale in continua evoluzione, gli AI Influencer stanno aprendo le porte a un futuro entusiasmante, dove la creatività, l’innovazione e la tecnologia si fondono per ridefinire il concetto di influenza e celebrità.

Canali del progetto

Tag