Tour virtuali per visitare musei da casa, webinar di formazione, spesa a domicilio per gli over 65: sono molte, moltissime anzi le imprese e le associazioni che hanno messo – e che metteranno – a disposizione degli italiani i loro servizi gratuitamente. Per una vera e propria staffetta di solidarietà digitale, il cui unico vero traguardo è il contenimento della pandemia di Coronavirus (scopri come nei giorni scorsi gli italiani hanno parlato del virus in rete).

Porte chiuse, anzi aperte e solidarietà digitale anche per la spesa

Tantissime catene della GDO, marketplace e food delivery come Esselunga, Supermercato24 e Glovo, giusto per citarne alcune, si sono attivate e schierate da subito al fianco degli over 65, la fascia più a rischio di gravi complicanze legate al Covid-19. Ecco un piano straordinario di interventi quindi, come l’attrezzarsi in modo massiccio per consegnare a domicilio la spesa, l’annullamento dei costi di consegna fino a Pasqua, la possibilità di trasformare i punti accumulati sulle proprie carte fedeltà in donazioni per gli ospedali, o ancora il ritiro dei medicinali in farmacia da parte di fattorini con consegna alla porta, ad almeno 1 m di distanza, ovviamente.

 

L’elegante arte di reagire

Altre due iniziative lodevoli sono senz’altro quelle che vedono protagoniste la Fondazione Cineteca Italiana di Milano, che ha messo a disposizione gratuitamente centinaia di film in streaming e il MamBo di Bologna, che sui propri canali social ha offerto un’istallazione, performance in diretta streaming, così da limitare le interazioni sociali e una serie di video-pillole delle proprie opere. Esempi, questi, dal forte valore simbolico per la collettività e il sistema dell’arte, già assai provato nella quotidianità.

 

La bellezza fa girare il mondo. E la testa

Chiudere i musei è stato un sacrificio necessario e doloroso, sia per le strutture, sia per i visitatori. C’è un “Però”: la bella notizia è la possibilità di visitare 10 vere e proprie perle, da Firenze a New York, rimanendo comodamente a casa. Eccovi l’elenco dei musei che offrono un tour virtuale:

#IoRestoACasa: dal Decreto alle iniziative di solidarietà digitale

Con il Decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale, n. 62 del 9 marzo 2020 ed entrato in vigore dal 10 marzo 2020, tutta Italia è ora “zona protetta”. Ma, per fortuna, sono sempre di più anche le imprese, le associazioni e i privati – Amazon, TIM, la Repubblica etc. – che aderiscono al progetto “Solidarietà digitale AGID” del Ministero per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione, continuando a “donare” i loro servizi. A questo link trovate l’elenco ufficiale, costantemente aggiornato.

 

Spiace che buona parte del pubblico abbia compreso solamente ora l’importanza di alcuni strumenti, siamo invece contenti che il digital stia (di)mostrando, anche se nel bel mezzo di un’emergenza globale senza precedenti, tutta la propria rilevanza nella vita delle persone. Passando da un percepito “astratto” a vero e proprio problem solver concreto: ma “Tempus omnia medetur”, il tempo cura tutto, e in IAKI ci auguriamo sia proprio così.